ottobre 30, 2018 Perché “Le terrificanti avventure di Sabrina” ha deluso le aspettative Perché “Le terrificanti avventure di Sabrina” ha deluso le aspettative
Perché “Le terrificanti avventure di Sabrina” ha deluso le aspettative_acrimoniamagazine3

Perché “Le terrificanti avventure di Sabrina” ha deluso le aspettative

La serie andata in onda su Netflix il 26 ottobre non ha soddisfatto né i fan accaniti della Spellman né i curiosi novellini

By acrimonia

Posted in

Il 31 ottobre, Halloween, i costumi, le ragnatele, le zucche, l’arancione e il nero, il sangue e l’oscurità. Le aspettative rispetto a “Le terrificanti avventure di Sabrina”, in uscita il 26 ottobre su Netflix, erano piuttosto alte. Chiaro che la serie e la protagonista non potessero ricalcare le orme dell’amata Sabrina Spellman, ironica e pop, circondata dall’ingombrante presenza delle zie e costantemente accompagnata dal gatto nero Salem, coscienza, emblema di satira, della teenager, protagonista dei pomeriggi post-scuola delle generazione Y. 

Perché “Le terrificanti avventure di Sabrina” ha deluso le aspettative_acrimoniamagazine3

Tuttavia, l’allontanamento di Sabrina dalla bionda e simpatica Sabrina anni ’90 ha fatto scuotere la testa ai più. La nuova Spellman è, infatti, un’adolescente socialmente impegnata, che si unisce alle amiche con la volontà di difenderle da chi non accetta le diversità. Vive a Greendale, in una casa dall’aspetto grottesco, insieme al cugino e alle zie Hilda e Zelda, che più che suscitare simpatia nel pubblico, appaiono ossessionate e ammaliate dall’innominato Oscuro Signore che altro non aspetta che il 16esimo compleanno della protagonista per inghiottirla nel proprio mondo. 

Perché “Le terrificanti avventure di Sabrina” ha deluso le aspettative_acrimoniamagazine2

Sabrina è una cosiddetta mezzo sangue, figlia del vecchio preside della scuola in cui è destinata a finire, colpevole delle scelte dei suoi genitori. Diventa paladina di una giustizia, espressa in una modalità fin troppo banale, di una giustizia che della giustizia non ha la forza. Diventa fautrice di dialoghi spicci, adolescenziali. Vittima di un sistema fin troppo organizzato, che dell’Inferno non sembra averne nemmeno le sembianze estetiche. 

Perché “Le terrificanti avventure di Sabrina” ha deluso le aspettative_acrimoniamagazine

La chiave è, certamente, dark. L’obiettivo quello di mixare tenebre e luce, risa e spavento. Il risultato, ai nostri occhi, confusionario, non all’altezza. Un reboot troppo debole per il personaggio attorno al quale è stato costruito. Applausi, però, alla scenografia che, in vista dell’arrivo di Halloween (-1 giorno), ci fa sognare ad occhi aperti… 

Share this story

About The acrimonia

Related Posts

Leave a Reply

avatar
  Subscribe  
Notificami

Instagram

Agency

Contatti

btt