ottobre 8, 2018 ARTYGRAM / @sainthoax ARTYGRAM / @sainthoax
artygram@sainthoax_acrimoniamagazine

ARTYGRAM / @sainthoax

Trump e Putin, Kim e Kanye, Biancaneve e Cenerentola... nell'account @sainthoax il mondo pop si fa portavoce di denuncia o puro divertimento

By Alessandra Nava

Posted in ,

Personaggi Disney, politici internazionali, popstar e figure religiose convivono in uno dei profili più belli di Instagram, quello di @sainthoax, che attraverso la cultura pop e la sua versatilità artistica rende l’arte più attuale che mai, strumento di denuncia sociale e politica o di satira del costume.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Saint Hoax (@sainthoax) in data:

Ma chi si nasconde dietro all’account in cui Ariel, Cenerentola, Trump, Putin, Kim, Kanye &Co. coesistono senza problemi? Se inizialmente il loro genitore voleva mantenere l’anonimato, oggi si ha qualche notizia in più. Si tratterebbe di un giovane uomo di quasi trent’anni, siriano, cresciuto a pane e televisione, il contenitore che lo ha rapito e gli ha dato gli stimoli visivi che lo hanno spinto a realizzare questi pezzi d’arte contemporanei. Proprio per via della sua nazionalità non ha potuto partecipare a una sua personale organizzata a New York, a seguito dei travel-ban imposti dal presidente americano. Ma SaintHoax non si è certo fatto fermare: dall’11 al 14 Ottobre infatti al The Egg (ex cinema degli anni sessanta in parte distrutto durante la guerra civile) di Beirut si terrà la sua terza mostra, intitolata MonuMental, il cui percorso è un alternarsi di passato e presente artistico, fatto di tele ad olio ma anche di installazioni e proiezioni. Proprio nei giorni precedenti all’inaugurazione per le strade di Beirut si sta aggirando un gonfiabile a forma di carro armato con la testa di Trump.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Saint Hoax (@sainthoax) in data:

I contrasti piacciono molto al giovane artista, come s’intende già dal nome, un’antinomia che fa scontrare il sacro e il profano. Se Saint si ricollega alla verità spirituale e alla sacralità (tant’è che il suo logo ha una croce al posto della “t”), Hoax (bufala) suggerisce che tutto, specialmente sul web, popolato dalle fake news, è finzione e manipolazione costante.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Saint Hoax (@sainthoax) in data:

Le sue trovate irresistibili sono inoltre al passo con i tempi, come impone la legge del hic et nunc di Instagram che si è imposta in molti altri settori, dalle collezioni see now-buy now dei grandi brand al fast-food imperante. SaintHoax dichiara che in un’era in cui tutto è diventato usa e getta gli artisti devono assiduamente proporre qualcosa di nuovo e originale, ma che non sia superficiale. Subito dopo la già mitica catfight fra Nicki Minaj e Cardi B, l’artista ha postato un fotomontaggio di quest’ultima nelle vesti di una moderna Cenerentola che scappa dal party in Dolce & Gabbana e scalza, dopo aver lanciato il suo stiletto all’avversaria.

Egli stesso, sul suo profilo da 745 mila followers, si definisce “POPlitically Incorrect”, fruitore e maipolatore della cultura pop per veicolare messaggi importanti. E quindi ecco un primissimo piano di Trump decorato con il motto “Make America Great Again” che va a formare degli inquietanti baffetti hitleriani, a denunciare una politica razzista e distruttiva, o un quadretto di famiglia anni 50: a capotavola Weinstein, come commensali Bill Cosby, Kevin Spacey, Trump, Terry Richardson e tanti altri, e la moglie, personificazione del Karma, che al posto di un tacchino arrosto serve un bel malloppo di atti giudiziari per molestie. Ha dichiarato a riguardo “Non è che senta il dovere di farlo, eppure i miei lavori migliori sono stati quelli con un messaggio”.

L’artista riconosce l’arma a doppio taglio che è Instagram, luogo di espressione ma anche di perdizione. Ciò che loda dei social è il fatto che permettano a chiunque di dare la propria versione dei fatti ed esprimere la sua visione del mondo, senza che la cronaca e la politica siano monopolio manipolabile dei grandi media; sta poi al follower decidere se accettare attivamente la provocazione oppure scrollare passivamente.

 

Se si vuole ridere ma anche riflettere su luci e ombre di politica e showbiz non resta che seguire uno degli artisti più interessanti di questi anni, definito il Banksy della generazione Z: misterioso, irriverente e irresistibile.

 

Fonti citate:

“D Arte” , inserto di La Repubblica, numero 1105,

@sainthoax su Instagram

COPYRIGHT ACRIMONIA 2018

Share this story

About The Alessandra Nava

Related Posts

Leave a Reply

avatar
  Subscribe  
Notificami

Instagram

Agency

Contatti

btt